• Transessualismo a Catania

    Transessualismo a Catania


    Il centro Cura S.r.l. si occupa delle operazioni connesse al transessualismo a Catania con l'individuazione e la diagnosi accertata del disturbo di identità e di genere. È importante considerare che possono sottoporsi ad interventi di riattribuzione dei caratteri sessuali solo i pazienti che possiedono una sentenza specifica del tribunale che autorizza l'esecuzione dell'intervento chirurgico. 


    La comunità scientifica opera nell'intervento di riconversione androginoide impiegando tecniche e protocolli codificati. Di base, l'intervento di riconversione uomo-donna avviene con l'esportazione dei testicoli e con il disassemblaggio penieno, che prevede la separazione del corpo spongioso dell'uretra, dei corpi cavernosi e del fascio vascolo-nervoso dorsale. 

    Si tratta delle prime fasi, alle quali fanno seguito l'asportazione dei corpi cavernosi e dell'uretra distale, la preparazione di un moncone uretrale e la creazione della neovagina, con l'accortezza di preservare la sensibilità erogena a livello del clitoride.

  • Riconversione androginoide con protocolli certificati

    Riconversione androginoide con protocolli certificati


    L'operazione si completa con la ricostruzione della vulva. Ogni fase è determinata da protocolli internazionali riconosciuti e ritenuti sicuri per il paziente. Il transessualismo a Catania può quindi essere trattato presso il centro Cura S.r.l. dal punto di vista medico scientifico, con una soluzione chirurgica sicura, completa e definita in ogni singola fase. La riconversione è un'operazione chirurgica che merita di essere conosciuta e compresa in ogni dettaglio dal paziente che intende sottoporvisi. Per questo motivo, il centro medico fornisce un'iniziale supporto che mira ad elargire tutte le informazioni necessarie al paziente per comprendere la natura, il decorso e il rapporto rischi-benefici di questa operazione. Il paziente può affrontare ogni fase dell'operazione con cognizione completa e approcciarsi alla stessa con una condizione mentale, psicologica ed emotiva dai tratti positivi. Si tratta del preludio alla buona riuscita dell'operazione e al conseguente felice decorso post operatorio, che nel caso della riconversione androginoide deve offrire al paziente un adeguato supporto dal punto di vista psicologico ed emotivo.

  • Fig. 1 - Linea di incisione lungo la cute scrotale; orchiectomia (riquadro)

    Fig. 1 - Linea di incisione lungo la cute scrotale; orchiectomia (riquadro)

  • Fig. 2 - Piano di clivaggio smusso fra fascia di Colles e Fascia di Buck

    Fig. 2 - Piano di clivaggio smusso fra fascia di Colles e Fascia di Buck

  • Fig. 3 - manovra di degloving; in questa fase è necessaria la detumescenza del pene

    Fig. 3 - manovra di degloving; in questa fase è necessaria la detumescenza del pene

  • Fig. 4 - linea di incisione ventrale lungo il pene

    Fig. 4 - linea di incisione ventrale lungo il pene

  • Fig.5 - creazione dello spazio prostatorettale

    Fig.5 - creazione dello spazio prostatorettale

  • Fig. 6

    Fig. 6

  • Fig. 7 - confezionamento di un lembo penoscrotale

    Fig. 7 - confezionamento di un lembo penoscrotale

  • Fig. 8 - vaginoplastica con lembo uretrale secondo Perovic

    Fig. 8 - vaginoplastica con lembo uretrale secondo Perovic

  • Fig. 9 - creazione dello spazio prostatorettale

    Fig. 9 - creazione dello spazio prostatorettale

  • Fig. 10 - isolamento fascio vascolonervoso

    Fig. 10 - isolamento fascio vascolonervoso

  • Fig. 11 - tecnica di fissaggio secondo con punti in polene

    Fig. 11 - tecnica di fissaggio secondo con punti in polene

  • Fig. 12 - diversi modelli di tutori vaginali

    Fig. 12 - diversi modelli di tutori vaginali